Tutti i segreti di uno snack famosissimo: il club sandwich

 In Evidenza

Immaginatevi gli Stati Uniti alla fine dell’800. Siamo in un circolo per soli uomini, il Saratoga Club House di New York City. E qui, per la prima volta, appare un club sandwich.
Era la versione multistrato di quel sandwich importato dall’Inghilterra dove stava spopolando da tanto tempo. Ed ebbe un tale successo da essere esportata in tutto il mondo, incluso il Central Bar del parco commerciale I Giardini di Jesolo. Qui dalla mattina alla sera le pause di gusto possono essere molto sfiziose e nel listino c’è anche il celebre club sandwich.

Qual è la ricetta del club sandwich?

Il club si prepara in modo semplice, si tratta di uno snack con tanti strati di pan carré e, tra di loro, i propri ingredienti preferiti.
La ricetta classica, oltre al pane in cassetta senza crosta, inserisce pollo o tacchino a fette, pomodoro, lattuga, bacon e salse.
Viene servito tagliato in due in modo da formare triangoli, talvolta sono due, più spesso quattro.
Al posto del pollo e del tacchino, spesso si scelgono dei salumi come il prosciutto cotto che va ad aggiungersi al bacon croccante.
Oltre a pomodoro e lattuga (che va sempre sotto la fetta di pomodoro per non bagnare il pane) spesso la ricetta si arricchisce con la frittata e con le verdure grigliate.
Esistono molte interpretazioni, anche per vegetariani e vegani.

 

Post suggeriti

Leave a Comment