Stivali: conosci la loro storia?

 In Evidenza

Esattamente come accade per le scarpe anche gli stivali hanno origine dall’esigenza di proteggere i piedi.

Infatti, per primi li hanno usati i comandati italiani e i soldati che, durante il Seicento, attraversavamo ampi territori con pessime condizioni meteo. Sia durante i gelidi inverni che nel corso delle torridi estati.

Da quel periodo iniziarono a diffondersi le calzature militari.

In seguito, in tutta l’Europa si iniziano a vedere stivali con i tacchi alti, usati, a quell’epoca (ma anche oggi) sia da uomini che da donne.

E la moda li ha trasformati in oggetti del desiderio, creandone di fantastici, bassi, alti, con ogni tipo di tacco.

Sono cioè diventati accessori di moda che si accostano a qualsiasi tipo di outfit.

Sono eleganti, chic ma anche molto utili, soprattutto nel caso si tratti di stivali da pioggia.

Gli stivali dagli anni Sessanta in poi

Con la minigonna, l’accessorio ideale è apparso lo stivale, che lasciava la coscia scoperta e il risultato era sexy e trasgressivo.

Sempre negli anni Sessanta sono arrrivati i Beatles che hanno dato il nome agli stivaletti bassi.

E poi sono diventati il marchio di fabbrica di celebri designer come coloro che li hanno ideati sopra al ginocchio, originali e colorati. In pelle, ecopelle oppure scamosciati hanno un fascino unico.

Sono calzature versatili, che d’inverno impazzano ma fanno la loro comparsa anche d’estate.

Hanno le forme più originali, come i celebri texani, ma sono anche classici come gli stivali per equitazione che piacciono anche a chi non è mai salito a cavallo.

Ogni anno gli stilisti li ripropongono, sono sempre diversi, possono anche richiamare il passato ma in una rilettura che rispecchia il momento. O, addirittura, anticipa i tempi. Hanno paillettes, borchie, sono colorati e decorati. Sicuramente ognuno di voi ne ha qualche paio.

Però quest’anno sicuramente vi piaceranno gli stivali proposti da Zebra a Puà, sono pratici ma allo stesso tempo eleganti. E il prezzo è perfetto per tutte le tasche.

Recommended Posts

Leave a Comment