Sai che la borsa da donna nasce dal portamonete maschile?

 In Evidenza

La storia degli oggetti di uso quotidiano spesso nasconde degli aneddoti particolari. Come nel caso della borsa da donna che adesso trovi in linee dal design accattivante presso il Caleidos Outlet Store al parco commerciale I Giardini di Jesolo.
Ma la storia delle borse è ricca di particolari che solo gli esperti del settore conoscono e il passato ci rivela un sacco di interessanti curiosità.

Tacchi alti, borsellini e tasche

Un tempo gli uomini usavano indossare i tacchi alti e portavano pratici borsellini legati vicino alla spada. Erano sacchetti chiusi con una chinghia in pelle e servivano per riporvi le monete.  Stiamo parlando del XIV secolo, ma già dal XVII sia uomini che donne utilizzavano portafogli e custodie realizzate in pelle dove conservavano documenti e corrispondenza, mentre le monete venivano inserite in piccole e sicure borsette.
Tra la fine del XVI e l’inizio del XVII, negli abiti maschili apparvero le prime tasche che presero il posto di borsellini e borsette, oramai patrimonio della moda femminile.
E dal XVII secolo anche per le donne arrivò la tasca da coscia, attaccata ai suoi fianchi e nascosta sotto le gonne voluminose.

La chatelaine e la moda del 1700

In questo periodo le borsette erano out mentre il must era rappresentato dalla chatelaine, dal nome che stava per “padrona di casa” ed era, in pratica, un gancio da cintura al quale erano attaccate delle catene dove a loro volta venivano appesi portamonete, chiavi orologi, attrezzi da cucino e altri accessori utili, insomma un maxi portachiavi multifunzione.
Più ricca era la donna, più lussuosa era la chatelaine. Ora se ne trova qualche esemplare nelle aste di antiquariato.

La borsa a sacchetto

Ci siamo quasi, prima della borsa in versione attuale c’era la borsa a sacchetto, diffusa tra il XVIII e il XIX secolo. La reticule era una piccola borsa spesso hand made, realizzata in vari tipi di tessuto, che serviva soprattutto durante viaggi e spostamenti.

 

 

Post suggeriti

Leave a Comment