Patate fritte: chi le ha inventate?

 In Evidenza

E’ il momento di fare chiarezza, l’argomento è importante, soprattutto per i golosoni: dove sono nate le patate fritte e a chi è venuta questa idea eccezionale?

C’è chi sostiene che questo piatto nasca nel lontano 1853 a New York, inventate dal cuoco George Crum.

Purtroppo, non è andata così anche se molti continuano a insistere per avvalorare questa versione.

Ci sono le prove che le patate fritte sono nate ben lontano dagli States e, più precisamente, in Europa, da qualche parte tra Belgio e Inghilterra.

E la natalità è fonte di dispute tra belgi e francesi.

Ma non abbiamo documenti che lo attestino, se non un libro il Cook’s Oracle scritto da William Kitchiner nel 1822 che lo inserisce tra le ricette.

A dirla tutta si parla di un piatto che venne ripreso dopo dieci anni negli Stati Uniti e il risultato viene definito come “trucioli” fritti di patate.

Anche un altro volume, The Cook’s Own Book, pubblicato nel 1832, propone una ricetta molto simile a quella già citata da Kitchiner.

Crum e le patate fritte

Infatti quando la specialità viene interpretata da Crum nel suo locale nel 1891, il New York Tribune la descrive. Ma non spiega chi l’abbia inventata, idem nella biografia commissionata da Crum.

C’è da dire che Crum (Speck era il suo vero cognome) ha contribuito non poco a rendere le patate fritte celebri.

Cary Moon, proprietario della Moon’s Lake House, comprese che si trattava di un successo a lungo termine, quindi richiese il riconoscimento dell’invenzione.

E iniziò a produrle in serie. Prima le serviva in coni di carta, un po’ come gli scartossi veneti con la frittura di pesce, poi decise di confezionarle in scatola.

Per arrivare alla fama delle patatine tagliate a fiammifero e fritte, dobbiamo attendere fino al termine della Grande Guerra, quando i soldati americani tornano dal fronte francese.

E allora nasce il mito delle “french fries” che non hanno mai perso la grinta che le contraddistingue.

Infatti puoi gustarle, accompagnate dalla salsa che preferisci, al Central Bar, calde, fragranti e con una spolverata di sale. Buon appetito!

 

 

 

 

Recommended Posts

Leave a Comment