Lo yogurt: la storia di un grande alleato della nostra salute

 In Evidenza

Ti piace lo yogurt? La maggior parte delle persone che sta leggendo avrà risposto sì, incluso, probabilmente, anche te. Questo infatti è uno dei pochi casi in cui qualcosa di goloso è anche salutare.

Perciò, a meno che tu non abbia problemi di allergie o intolleranze (nel caso dell’intolleranza scegli quello senza lattosio), puoi consumarlo e abbinarlo alla frutta oppure al miele. Ma anche inserirlo in ricette squisite, dalle salse ai dessert.

Si tratta di un alimento fermentato che troverai in un’ampia scelta all’IperTosano. Al naturale, con la frutta, da bere, negli abbinamenti con molti principi attivi salutari.

Bisogna dire che è uno dei pochi cibi fermentati che siamo abituati a inserire nella nostra alimentazione.

Si ottiene dalla fermentazione batterica del latte ed è stato, per secoli, alla base dell’alimentazione dei popoli dell’est Europa, asiatici, indiani e nord-africani.

Noi siamo abituati a ricavarlo dal latte vaccino, ma si trova anche ottenuto dal latte di bufala, di cavallo, cammello, capra, yak o, ancora, vegetariano, di soya.

Un alimento che arriva dall’antichità

Si parla addirittura di Mesopotamia, intorno al 5000 a.C. e se ne accenna anche in documenti indiani e persiani molto antichi.

Gli antichi greci, ma anche gli attuali, lo consumavano con il miele, mentre per i Romani era soltanto un’usanza dei popoli barbari.

A utilizzarlo abitualmente erano anche i turchi, tant’è che la parola yogurt sembra derivare proprio dal vocabolo turco “yoğhurmak” che significa “cagliare” o anche “condensare”.

I gastronomi occidentali lo guardavano come a una curiosità esotica ma, dal 1900, quando cioè i ricercatori iniziarono a studiare i batteri protagonisti nella trasformazione del latte, iniziarono a interessarsene.

E scoppiò una vera e propria moda: lo yogurt salì alla ribalta delle tavole di tutta Europa e, nel 1919, a Barcellona, nacque la prima azienda che produceva yogurt in maniera industriale. Un marchio che conosciamo tutti: Danone.

Post suggeriti

Leave a Comment