Jesolo: piazza 1 Maggio

 In Evidenza

Oggi si festeggia il 1 maggio, festa dei lavoratori.

E ora vi spieghiamo come nasce questa festa.

L’origine di questo evento riporta indietro nella storia e, più precisamente, al 1 maggio del 1886 quando, a Chicago e in tutti gli Stati Uniti, era stato indetto uno sciopero generale.

I lavoratori chiedevano a gran voce migliori condizioni di lavoro, più rispettose della salute e della dignità delle persone.

A quei tempi la gente poteva essere costretta a lavorare anche per 16 ore al giorno. E la sicurezza era una nota dolente, infatti i morti sul lavoro erano parecchi, ogni giorno.

La protesta continuò per tre giorni e il 4 maggio si scatenò un’autentica battaglia tra lavoratori scioperanti e la polizia di Chicago.

Purtroppo quel giorno morirono 11 persone, durante quello che fu chiamato il massacro di Haymarket.

Poi, tre anni dopo, a Parigi, per la precisione il 20 luglio del 1889, durante il primo congresso della Seconda Internazionale nacque l’idea di una manifestazione massiccia in cui si chiese la riduzione dei turni di lavoro a 8 ore.

La Seconda Internazionale era l’organizzazione creata dai partiti socialisti e laburisti europei.

Il cuore del centro storico di  Jesolo è piazza I° Maggio

Poco distante dal parco commerciale I Giardini di Jesolo si incontra il centro storico di Jesolo e, in particolare Piazza 1 Maggio.

Non tutti sanno che la piazza che da anni è la cornice della vita quotidiana dei cittadini jesolani, un tempo era attraversata dal fiume Piave.

Ma, dopo la deviazione del corso del fiume, oggi la presenza dell’acqua è rappresentata da due fontane dalla forma allungata.

Il loro orientamento e il gioco di acqua e luci ricordano il corso del Piave.

Viste dall’alto, le due fontane, compongono la forma stilizzata di una nave.  All’interno di una delle due parti sono state installate due colonne che fanno parte della storia di Jesolo.

Infatti queste due importanti reperti facevano parte della basilica di Santa Maria Maggiore che risale al VII° secolo d.C. e sono emerse dagli scavi archeologici di via Antiche Mura.

Le colonne rappresentano il collegamento del passato al presente della città.

Post recenti

Leave a Comment