Il tramezzino: lo snack che conquista tutti

 In Evidenza

Il tramezzino ha una lunga storia e le sue origini sono avvolte da un velo di mistero.

Sembra che tutto abbia avuto origine con John Montagu, il quarto duca di Sandwich, nel corso del 1700.

Da giocatore d’azzardo incallito, mentre dilapidava ai tavoli da gioco i suoi capitali, non voleva alzarsi neppure per pranzare.

Perciò si faceva portare direttamente lì delle fette di pane imbottite con dell’arrosto freddo.

E divenne una sua abitudine quindi anche gli altri giocatori iniziarono a imitarlo chiedendo  “lo stesso di Sandwich”. Da questo ai camerieri che, entrando in cucina, chiedevano un Sandwich, il gioco era fatto.

Arrivato in Italia, in quel di Torino e a Venezia ebbe il suo trionfo, decretato anche da Gabriele d’Annunzio che, come usava fare, usava l’italiano per indicare ogni oggetto di provenienza straniera.

Quindi ribattezzò il sandwich in “tramezzino” perchè era piccolo e c’era qualcosa in mezzo alle due fette di pane. Inoltre era un piccolo spuntino tra colazione e pranzo oppure tra pranzo e cena.

 

Il tramezzino trionfa nei buffet e con l’aperitivo

Questo snack saporito oggi non manca nei buffet, servito anche a pezzetti più piccini e arriva anche a sostituire un pasto come la cena se lo si serve negli “happy hour”.

I gusti sono infiniti, perchè le combinazioni di ingredienti sono davvero tante e l’aggiunta delle salse, come maionese, ketchup, salsa rosa o altro, ne modifica il sapore in altrettante versioni.

I più noti hanno, tra gli ingredienti, i gamberetti, ma da assaggiare anche la versione prosciutto e funghi, oppure quello che contiene speck, brie e rucola.

Quelli del Central Bar, in particolare, sono deliziosi, stuzzicano l’appetito e sono preparati giorno per giorno, in modo che il pan carrè sia soffice, i prodotti siano freschi. In questo modo il gusto e la salute ne guadagnano.

Poi c’è la versione della caprese, oppure si sceglie la porchetta, il salame, il prosciutto crudo e si abbinano i salumi con gli ortaggi del momento. Ottimo anche il tonno abbinato con olive, cipolline oppure uova. Ultimamente appare in vetrina anche il tramezzino con prosciutto e melone, fresco e particolarmente estivo.

Anche la forma varia: rettangolare, triangolare oppure arrotolato. Dipende dai gusti e dalle preferenze della clientela.

Il tramezzino tradizionale di Venezia è rigorosamente triangolare, a Jesolo lo si trova spesso anche arrotolato.

Voi come lo preferite?

 

 

 

 

 

 

Recommended Posts

Leave a Comment