Champagne: la classe nel bere

 In Evidenza

Champagne! Un vino prezioso, da grandi occasioni che porta il nome della Francia in tutto il mondo.

Queste bollicine che, spesso sono in sfida con i nostri Spumanti italiani, provengono da un terroir che si chiama, per l’appunto Champagne.

E la loro capitale, senza ombra di dubbio è Reims.

Non esiste una tipologia unica di Champagne, anzi ci sono differenti cru, annate, vitigni, dosage.

Questo ti fa capire che non basta sorseggiarne uno per sapere tutto su questo vino, anzi, sarebbe bene studiare un po’ di nozioni base prima di improvvisarsi esperti.

Il cru, per esempio, sta a indicare un comune viticolo ed esprime la combinazione, unica nel suo genere, tra vitigno, territorio e cura, oltre al lavoro in cantina.

Ci sono, infatti, più di 300 cru e ognuno ha un suo carattere preciso.

Per “blanc de blancs” si intende un vino ricavato esclusivamente da uve bianche. Mentre il “blanc de noirs” utilizza solo le uve nere di Pinot oppure Meunier.

 

Per degustare lo Champagne devi conoscerlo!

Quando entri all’IperTosano Selection trovi un settore dedicato alle celebri bollicine francesi e, per sceglierlo, è bene avere delle informazioni più dettagliate.

Assemblando vini di annate differenti si ottiene un vino armonioso e riconoscibile dal pubblico, non sarà millesimato ma rispecchierà quanto cerchi in quella precisa etichetta.

Mentre, in alcuni casi, quando cioè i vini utilizzati sono di una sola annata (il millesimo), allora si ha quello che si chiama “Champagne millesimato”.

Questo accade in base alle scelte di cantina, spesso per esaltare una specifica vendemmia dalle proprietà notevoli.

Acquistando un “millesimato” avrai un vino che spicca per carattere e personalità.

A questo punto arriva una domanda: lo scelgo bianco o rosé?

Infatti, oltre a tutte le sfumature di giallo, dall’oro al giallo intenso che contraddistinguono vini leggeri da Champagne più corposi e intensi, c’è anche il rosé.

Non fate l’errore di giudicarlo un vino esclusivamente femminile. Anzi.

Il rosé nasce dall’assemblaggio di vini bianchi con un rosso fermo che appartiene alla denominazione Champagne.

Il suo sapore cambia, a seconda dei vini protagonisti: può essere leggero ma anche raggiungere una struttura che conquista.

 

Quindi quale scegliere?

Sono tutti affinati almeno 15 mesi in cantina, per i millesimati se ne sommano altri tre e per le cuvée speciali i mesi sono ancora di più.

Più uno Champagne invecchia bene, più aumenta l’intensità del suo aroma.

Devi sapere che più del 90% dello Champagne è brut, ma può essere anche doux oppure demi-sec, a seconda del dosage e cioè dell’apporto del dolce che gli consente di esprimere gli aromi.

 

 

Recommended Posts

Leave a Comment