Buon caffè: ecco qualche segreto del tuo bar

 In Evidenza

Partiamo con una frase che vi sembrerà scontata: il buon caffè non si trova in tutti i bar.

E ognuno di noi ha un bar preferito dove andare a sorseggiare un espresso fatto come si deve.

Questo, per esempio, si trova al Central Bar dove sono specializzati sul caffè.

Se ne prendono cura in modo che tutti i clienti siano soddisfatti, a iniziare dalla materia prima di qualità.

Stiamo parlando della miscela che, insieme alla macinatura, alla macchina da caffè e al barista, sono le variabili che si compongono creando il caffè ideale in tazzina.

Altri segreti riguardano la dose di polvere inserita nell’erogatore, il tipo di pressatura e il tempo che impiega il liquido nell’attraversare il caffè in polvere per poi scendere sulla tazzina.

L’arte di fare un buon caffè

Si sa, preparare il caffè sembra semplice ma non lo è.

Ogni barista ha un esperto che controlla tutto ciò che abbiamo spiegato prima e che riguarda la macchina del caffè e sa impostarla in modo che tutto funzioni nel modo migliore.

Regola la pressione, la temperatura e il grado di macinazione dei chicchi.

Ma, insomma, come si prepara il caffè in modo che soddisfi anche il cliente più esigente?

Gianni e Imen ci spiegano che hanno scelto una miscela di alta qualità, che la macinano con attenzione (più umidità c’è e più deve essere fine) e che sanno esattamente quanta polvere mettere per ogni singolo caffè e cioè tra i 7 e gli 8 grammi.

Perfino la temperatura dell’acqua deve essere costante e intorno agli 88/90°.

In più ogni giorno si occupano della pulizia della macchina, incluso il porta filtro.

E poi, lo sapete che il colore perfetto del caffè in tazzina deve essere tra il nocciola e il testa di moro? Una tinta tigrata per un espresso impeccabile.

Inoltre, i degustatori lo sanno, non deve presentare bolle.

Poi la miscela sarà più dolce e aromatica dove prevale la qualità Arabica, mentre se a essere più presente è la Robusta, si sentirà un sapore corposo e intenso.

Per assaporarlo al meglio, infine, non andrebbe zuccherato.

 

 

Recommended Posts

Leave a Comment